TUTTIQUANTIMERY (2014)

MERY
(Becucci/Baracchino)

Mery ha cento graffi sulle braccia
Glieli hanno fatto i gatti che trova per la strada
Non è un mestiere
E' dedizione
Mery la sua lingua sui coltelli
Panna e cioccolata, ride soddisfatta
E' una bambina
Cresciuta in fretta
Voglio rivederti un giorno sopra un fuoristrada
Col vestito estivo a fiori, gli stivali e la tua pazza idea di
Correre al torrente, sopra i tetti e nei cantieri
A salvare come se fossero bambini
Tutti quanti i gatti neri
Tutti quanti
Mery

Una provincia piatta trasuda la sua estate
Da prendere a pedate per tornare nella nebbia
Nel freddo che ti piace e imbianca le tue strade
Voglio ritornare
Voglio rivederti un giorno sopra un fuoristrada
Col vestito estivo a fiori, gli stivali e la tua pazza idea di
Correre al torrente, sopra i tetti e nei cantieri
A salvare come se fossero bambini
Tutti quanti i gatti neri
Tutti quanti
Mery oh oh Mery
Mery, oh oh Mery
Mery

Mery, senza pensieri
Mery, Mery
Sempre al tuo posto
Ad ogni costo
Mery, oh oh Mery
Voglio rivederti un giorno sopra un fuoristrada
Col vestito estivo a fiori, gli stivali e la tua pazza idea di
Correre al torrente, sopra i tetti e nei cantieri
A salvare come se fossero bambini
Tutti quanti i gatti neri
Tutti quanti... Mery
Tutti quanti... Mery
Tutti quanti

Mery ha cento graffi sulle braccia
Glieli hanno fatto i gatti
Che trova per la strada
Il suo sorriso
Ci illumina...

LA VITA CHE VORREI
(Becucci/Monami)

La vita che vorrei che in parte ho
Mille confusioni
Sparse in questa stanza
Piena di speranza
Disordine e mancanza
Speranza e disordine

Non so dove ti trovi vita mia
Se un giorno eri presente
Questo giorno è già passato
Franata fra i ricordi
Manette di cartone
La vita che vorrei

E tu amico mio
Così gradito
E tu 
Amico mio
Così gradito, così inaspettato 
Sei qui

La vita che vorrei che in parte ho
Mille soluzioni affollano un istante
Sparse come carte
Disordine e speranza
La vita che vorrei

Parliamo ancora...

E tu amico mio
Così gradito
E tu 
Amico mio
Così gradito, così inaspettato 
Sei qui

La vita che vorrei che in parte ho
Mille confusioni
Sparse in questa stanza
Piena di speranza
Disordine e mancanza
Speranza e disordine

STARE BENE
(Becucci)


Un uomo non può fingere di stare bene
Il bene è stare dritto ed evidente
Ho aperto quella porta con le mani sopra il collo
Per sentirmi il cuore
Che come il tuo scoppiava me lo hai fatto sentire
Ma un giorno rientrerò da quella porta senza pesi
E senza tracce in più di ruggine sul petto
Un giorno riuscirò a farmi capire e farti amare
Veramente anche il più piccolo difetto.
Per te farò, sarò di più, per te sarò teoria,
Follia e passione, un abbraccio, un amore
Migliore per te.

Un uomo non può fingere di stare bene
Il bene non pretende di esser meglio
Ho cancellato ancora il tuo contatto dal telefono
Ma sei presente
Presente e anche puntuale, sai sempre ritornare

Un pomeriggio asciutto sul tuo letto ho fatto finta
Di non ricordare il buono del tuo corpo
Ma ho visto nei tuoi occhi e nell'abbraccio un 
Manifesto disincanto e un po' di nostalgia di
Avermi per te.

Farò, sarò di più, per te sarò teoria,
Follia e passione, un abbraccio un amore
Migliore per te, per te, per te...

Un uomo può tradire e compiacersi e poi finire a 
Lamentarsi di essere rimasto solo
Ho smesso 100 volte di fumare e di pensarti ma
Ogni volta mi ritrovo punto e a capo con te.

LE COSE CHE NON SOPPORTO
(Becucci/Greco)

Sono troppe le cose che non sopporto
Le bottiglie di plastica vuote schiacciate per terra
Le parole sbagliate
La luce che brucia negli occhi
E i tuoi occhi che cercano sempre 
Quello che penso
Quello che sento

Ma sono libera
Inafferrabile
Sono uno sparo
Una freccia
Una forza che spezza il respiro
Voglio correre
Oltre ogni limite

Voglio gonfiare
Staccarmi
Partire e volare via
Da qui

E da tutte le cose che non sopporto
Ma non parlo
Sorrido soltanto
E abbasso lo sguardo

Voglio andare a vedere le onde
Cantare il mio tempo
Incontrare per caso un sorriso
Davvero sincero

Sono libera
Inafferrabile
Sono uno sparo
Una freccia
Una forza che spezza il respiro
Voglio correre
Oltre ogni limite

Voglio gonfiare
Staccarmi
Partire e volare via
Da qui...

 

L'ELEFANTE
(Becucci)

Al sesto giro di tequila con il maestro della comitiva
Incominciò la metamorfosi della materia grigia
Sebbene la colorazione della mente fosse sempre uguale
Parlavo ancora col maestro quando sento dall’orecchio destro
Spuntare fuori una proboscide

E la mia mente è un elefante
Nel mio cervello non c’è più niente
Ogni ricordo è una foto assente
Solo il colore non è latitante
E’ grigio come l’elefante

E non so più se devo salare il limone o limonare il sale
Quello che resta del mio corpo è un treno su un binario morto
Davanti al bar della stazione
Tequila sale e limone

E la mia mente è un elefante
Nel mio cervello non c’è più niente
Ogni ricordo è una foto assente
Solo il colore non è latitante
E’ grigio come l’elefante 

Mi sveglio nel panico con alito indomito
Qualcuno stanotte in silenzio ha sottratto
Le mie noccioline dal mio frigobar…

E’ l’elefante
Nel mio cervello non c’è più niente
Ogni ricordo è una foto assente
Solo il colore non è latitante
E’ grigio come l’elefante

Nel mio cervello non c’è più niente
Ogni ricordo è una foto assente
Solo il colore non è latitante
E’ grigio come l’elefante  

NON CHIEDO DI PIU'
(Becucci/Kaballa')

Vieni da me, vieni da me stanotte
Mi scoprirai tremante con le tue mani su di me
Bocca di fragola ma che soddisfazione è
Pensare che, che fai kilometri soltanto per un bacio mio
A quale punto sei dell'autostrada?
Chissà quanti caffe' hai gia' preso per star su

Non chiedo niente di piu'
Del tuo respiro accanto
Il tuo nutrimento

Il tuo talento nel sapermi
Prendere farmi piangere e poi
Ridere con te
E allora vieni da me, vieni da me ti aspetto
Mi troverai comunque non dormo mai davvero senza te
Pelle di luna che di notte si fa piena
La voce tua è quella che vorrei semre sul mio cuscino
Amarti adesso è l'unica esigenza
Riporta le tue mani con prudenza qui

Non chiedo niente di piu'
Del tuo respiro accanto
Il tuo nutrimento

TUTTO QUESTO AMARE INUTILE
(Becucci/Greco)

Metto via
Scatole di plastica
Il sogno stanco di averti qui
Cambio faccia

Servira' 
Tutta la mia volonta'
La mia costanza, il tuo non esserci
Un po' di braccia

Trasformero'
Tutto questo amare inutile
L'ultimo rimpianto annega rosso
Il sole in un tramonto
Un altro giorno verra'
Una nuova luce portera'
Oro nelle mani e mani salde ai fianchi 
Del domani
Avro'

C'eri tu
Nelle foto e sopra il tavolo
Legata stretta al mio rancore
Senza parole...

Trasformero'
Questo cielo che non vola piu'
L'ultima valigia imbarco verso un'altra 
Dimensione
Rinascero'
Nudo mi rivestiro' oh
Non importa come e quando 
Vado incontro al cambiamento
Vivo

Bonus Track

FARE A MENO DI TE - Piano & Vox
(Becucci/Chiaravalli)

Sveglio come un pazzo
guardo il letto sfatto
quanto è caro il prezzo
di un amore instabile
mi hai lasciato nudo
lucido e confuso così.

E se ti chiamo adesso
ma forse è troppo presto
non so che cosa fare
non riesco ad aspettare.

So che starei meglio
a dirti che ti voglio
al diavolo l'orgoglio
per te
te che sei lontana già
kilometri da me.

Sei sangue sei pietra
costante ed inquieta
sei l'acqua che scorre
un fiume di seta
poi assalto e tempesta
ma quello che basta per me
è non fare a meno di te.

Fermati un momento
metti via le chiavi
cosa ti è successo
cosa c'è.

Non mi sfuggire con lo sguardo
lo sai non lo sopporto
è un gioco del silenzio
che mi scava dentro
una condanna a morte
ma non scopri le tue carte
parole come “forse”
mi annebbiano la vista
sprofondo nel sedile
se cominci a dire che non sai più cosa vuoi.

Sei sangue sei pietra
costante ed inquieta
sei l'acqua che scorre
un fiume di seta
poi assalto e tempesta
ma quello che basta per me
è non fare a meno di te.

Sei sangue sei pietra
costante ed inquieta
sei l'acqua che scorre
un fiume di seta
poi assalto e tempesta
ma quello che basta per me
è non fare a meno di te

è non fare a meno di te.

VORREI INCONTRARTI FRA CENT'ANNI
(Ron)


Vorrei incontrarti fra cent'anni
tu pensa al mondo fra cent'anni
ritrovero' i tuoi occhi neri
tra milioni di occhi neri
saran belli piu' di ieri.

Vorrei incontrarti fra cent'anni
rosa rossa tra le mie mani
dolce profumo nelle notti
abbracciata al mio cuscino
staro' sveglio per guardarti
nella luce del mattino.

Oh! Questo amore!
Piu' ci consuma piu' ci avvicina.
Oh! Questo amore!
E' un faro che brilla..

Vorrei incontrarti fra cent'anni
combattero' dalla tua parte
perché tale è il mio amore
che per il tuo bene
sopporterei ogni male

Vorrei incontrarti fra cent'anni
come un gabbiano volero'
saro' felice come il vento
perché amo e sono amato
da te che non puoi cancellarmi
e cancellarti non posso.

Io voglio amarti voglio averti
dirti quel che sento
abbandonare la mia anima
chiusa dentro nel tuo petto
Chiudi gli occhi dolcemente
e non ti preoccupare
entra nel mio cuore
e lasciati andare

Oh! questo amore
Piu' ci consuma piu' ci avvicina.
Oh! Questo amore!
E' un faro che brilla
in mezzo alla tempesta
Oh! Questo amore!
in mezzo alla tempesta
senza aver paura

Vorrei incontrarti fra cent'anni
tu pensa al mondo fra cent'anni
ritrovero' i tuoi occhi neri
tra milioni di occhi neri
saran belli più di ieri.
saran belli più di ieri.